Hot milk sponge cake

In queste settimane – ma diciamo pure mesi – che corrono senza sosta, trovare un briciolo di tempo per scrivere qualcosa anche qui è diventato ancora più difficile. Forse perché questo spazio è ancora un po’ in stand-by rispetto al suo destino, ma il punto è che lui c’è e mi reclama – e chi sono io, per tirarmi indietro dallo scrivere qualcosa?

E allora eccomi qui, in una domenica sera ormai più d’autunno che d’estate, con l’agenda aperta in un tentativo scarso di programmazione per la settimana che viene, una candela profumata vicino e, sullo sfondo, l’odore di una torta sfornata qualche ora fa.

Che se c’è una cosa che mi fa sentire a casa è proprio l’aroma che si sprigiona dalla cucina e invade tutte le altre stanze, che si sente forte anche il mattino dopo oppure rientrando dal lavoro o da una passeggiata e sa di un bentornato avvolgente come un abbraccio.

È una sorta di auto-coccola a cui non so resistere nemmeno a tarda sera, specialmente se si tratta di dolci, perché la prospettiva della colazione mi appare fin troppo lontana nel tempo.

A fare le spese di uno di questi miei piccoli raid delle 22 è stata anche una fettina di hot milk sponge cake. È della torta al latte caldo, infatti, il profumo che arriva dritto al mio naso anche adesso, nonostante la Yankee candle rimasta accesa per un po’.

Parente del pan di spagna, è una torta morbida e leggera – spugnosa, come rivela il nome inglese – che è già perfetta con una spolverata di zucchero a velo, ma si presta benissimo anche alle farciture. Per prepararla ho modificato leggermente alcune ricette trovate sul web, a cui ho diminuito in modo particolare la quantità di zucchero presente nell’impasto.

INGREDIENTI:

  • 5 uova piccole (4 se medie) a temperatura ambiente
  • 175 g di zucchero semolato
  • 160 ml di latte
  • 80 g di burro
  • 220 g di farina 00
  • 8 g di lievito in polvere
  • vaniglia (baccello o semi)
  • un pizzico di sale

Montate le uova con lo sbattitore elettrico aggiungendo un pizzico di sale e lo zucchero a poco a poco, per almeno 10-15 minuti, fino a quando il composto sarà bello spumoso.

In un pentolino scaldate il latte con il burro e la vaniglia. Quando il burro si sarà sciolto, spegnete il fuoco e lasciate da parte.

Aggiungete al composto di uova e zucchero la farina e il lievito setacciati, avendo cura di mescolare dall’alto verso il basso per non smontare il tutto.

Riscaldate nuovamente il latte, senza però portarlo a bollore. Se usate la bacca di vaniglia, a questo punto estraetela dal pentolino.

In un’altra ciotola versate una parte di impasto e unite a poco a poco il latte caldo mescolando delicatamente con una frusta per amalgamare i due elementi. Una volta ottenuto un composto denso, unitelo al resto dell’impasto di uova e farina amalgamando sempre dall’alto verso il basso. Procedere in questo modo eviterà di far smontare il tutto rovinando il dolce!

Imburrate e infarinate una tortiera da 20 o 22 cm di diametro (meglio se apribile, altrimenti aiutatevi con la carta forno), versatevi dentro l’impasto e infornate a 175° C per 35-40 minuti a forno statico. Una volta cotta, fatela raffreddare bene su una gratella.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: